Skip to content
POSSO USARE FARMACI
IN GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO?

Cara mamma la questione relativa all’assunzione di farmaci in gravidanza e allattamento crea tante ansie e paure nelle donne, perché l’ultima cosa che vogliamo è nuocere al nostro piccolo.

In questo articolo voglio chiarirti un po’ le idee in merito, sulla base degli studi pubblicati dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Chiaramente prima di assumere qualunque farmaco, rivolgiti al tuo medico di famiglia o ginecologo.

 

RISCHIO DI PIU’ ASSUMENDO UN FARMACO O NON CURANDO IL PROBLEMA?

Prima di immettere un farmaco in commercio, vengono eseguiti specifici studi relativi al rapporto rischio/beneficio, che deve essere a favore del beneficio chiaramente.

Valutare questo rapporto di un farmaco in gravidanza e allattamento è difficile perché non si possono eseguire studi clinici sulle donne in attesa o in allattamento e mi sembra giusto e ovvio questo.

Ma devi sapere che curarsi in gravidanza e allattamento si può.

Infatti un farmaco può essere utilizzato in questi particolari periodi di vita della donna.

La scelta deve ricadere su farmaci:

  • per i quali ci sono numerose prove di efficacia dovute al suo impiego,
  • presentano reazioni collaterali minime,
  • sono già stati ampiamente utilizzati da donne in gravidanza o allattamento.

Per esempio se contrai un’infezione batterica, il medico potrà prescriverti degli antibiotici utilizzati già da molto tempo e per i quali il rapporto rischio/beneficio è decisamente a favore del beneficio.

Sarebbero ben più gravi gli effetti su di te ed il piccolo se non dovessi curare l’infezione.

Secondo l’AIFA nel corso dei nove mesi, possono essere assunti i farmaci necessari e prescritti dal medico.

 

DEVO SOSPENDERE LA TERAPIA SE HO UNA PATOLOGIA CRONICA?

Cara mamma, se scopri di essere in dolce attesa e assumi dei farmaci perché devi curare patologie come l’epilessia o la fibrosi cistica o altre patologie croniche, rivolgiti subito al tuo medico e non sospendere la terapia.

È importante che tu sappia che alcune terapie non sono incompatibili con la gravidanza e l’allattamento.

Il tuo medico ti indicherà cosa fare, ad esempio potrà cambiare i dosaggi della tua terapia.

 

EMERGENZA: NUMERI UTILI

Se hai un’emergenza e non sai come assumere un farmaco in gravidanza e allattamento puoi contattare:

  • il centro antiveleni di Bergamo al numero 800.883300, un numero verde disponibile 24 ore su 24 per avere un servizio di consulenza gratuito offerto dall’ospedale Papa Giovanni 23 di Bergamo.
  • Il telefono rosso del Policlinico Gemelli di Roma 06-3050077.
  • Tossicologia perinatale dell’azienda ospedaliera Careggi di Firenze: 055-4277731.
  • Sito internet LACTANCIA.

 

 

IL MIO CONSIGLIO

Non avere paura di curarti in gravidanza e allattamento, chiedi sempre il parere del medico prima di assumere un farmaco.

Infatti questo ti verrà prescritto quanto sarà davvero necessario.

Evita il fai da te e l’acquisto di farmaci che potrebbero risultare inutili e dannosi per te e per il piccolo.

Hai trovato utile questo articolo?
Condividilo con chi potrebbe beneficiare di questo articolo!

“Le informazioni presentante su www.dermomamma.it sono di carattere generale e a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento e non sostituiscono il rapporto diretto con il proprio medico e/o specialista. In caso di dubbi è necessario contattare il proprio medico.”

Iscriviti e ricevi la guida gratuita su come preparare
la valigia per l’ospedale

Iscriviti ora alla Newsletter!
Iscriviti e ricevi
la guida gratuita per un corretto allattamento al seno
Iscriviti ora alla Newsletter!
Articoli recenti

Articoli
correlati

Quali sono
i principali problemi
in gravidanza?

smagliature

Rappresentano uno degli inestetismi più temuti in gravidanza insieme alle macchie del viso. Le variazioni ormonali, le modificazione del corpo, la secchezza e la ridotta elasticità della pelle possono favorire la loro insorgenza. Una volta formate, le smagliature sono difficili da trattare, proprio per questo si deve agire con la prevenzione.

macchie della pelle

L’epidermide rappresenta lo strato più esterno della nostra pelle, alla sua base si trovano particolari cellule preposte alla produzione della melanina, una particolare struttura che con l’esposizione solare si attiva, si colora e fornisce quel bel colore ambrato dell’abbronzatura. Le alterazioni ormonali possono interferire e predisporre a macchie cutanee.

danni da sole

L’epidermide rappresenta lo strato più esterno della nostra pelle, alla sua base si trovano particolari cellule preposte alla produzione della melanina, una particolare struttura che con l’esposizione solare si attiva, si colora e fornisce quel bel colore ambrato dell’abbronzatura. Le alterazioni ormonali possono interferire e predisporre a macchie cutanee.
Iscriviti alla Newsletter
Novità della linea Dermomamma, consigli della Dott.ssa Fulvia Corvasce per le donne in gravidanza e allattamento, accesso in anteprima a lanci di nuovi prodotti e promozioni e 10% di sconto sul tuo primo ordine!